I rivali perfetti

I rivali perfetti

Disponibile

 

Steve Ovett e Sebastian Coe: se amavi l’uno, odiavi l’altro

DISPONIBILE ANCHE IN FORMATO DIGITALE: ePub - Mobi


13,00 € tasse incl.

SPORT.doc 41

Disponibilità: Il titolo è disponibile

Mai nella storia dell’atletica leggera ci fu una rivalità più grande. Steve Ovett e Sebastian Coe riuscirono a dividere le folle a cavallo degli anni Settanta e Ottanta non solo per essere i due numeri uno del mondo, ma soprattutto per la loro natura così diversa.

Il primo, figlio della classe operaia, cavallo indomabile, sorretto da un insuperato talento, a volte sprezzante nei confronti degli avversari con i suoi finali da mercoledì da leoni. Il secondo, venuto alla luce nei quartieri alti di Londra, ben meno dotato fisicamente del suo rivale, ma con il solo obiettivo di batterlo a tutti costi. Allenato per tutta la sua carriera da un padre inflessibile.

L’attesa che si creò alla vigilia delle Olimpiadi di Mosca, nel 1980, con Ovett e Coe che non si sfidavano da due anni sulle loro distanze predilette, gli ottocento e i millecinque, non è mai stata superata da qualsiasi altro duello in pista. Per il Regno Unito, Steve Ovett e Sebastian Coe sono stati davvero come da noi Coppi e Bartali. Se amavi l’uno odiavi l’altro.

Non ci sono commenti dei clienti per il momento.

Shopping Cart  

prodotto (vuoto)
Advertising

In Promozione

Non ci sono offerte

PayPal